La testata del Master in Giornalismo “Giorgio Bocca” di Torino

#laprimacosabella: una speciale grigliata con gli amici

condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Andrea, 28 anni, ci ha confessato che ha dovuto pensarci un po’ prima di scegliere quale tra i tanti sogni post pandemia avrebbe voluto raccontarci. La sua scelta non poteva essere più originale. “Mi scuso con i vegetariani, ma devo confessare la mia prima cosa bella in tutta la sua semplicità: una bella grigliata al parco con tutti i miei amici. Magari anche con il bel tempo”. La grigliata a cui pensa Andrea non è, però, una semplice mangiata di carne occasionale. “Deve esserci tutto: dalla musica ignorante, al plaid sull’erba, al pallone, passando per il lambrusco e, ovviamente, il rosmarino intinto nell’olio per pennellare la carne con il condimento”.

Per Andrea la grigliata è una cosa seria, un semplice momento di incontro e divertimento, ma dal forte significato emotivo. “Tengo a sottolineare che l’ingrediente speciale che desidero di più, per tutto il tempo di questa futura grigliata, è che tra tutti i componenti possa venirsi a creare un’armonia concreta e profonda”. Un ingrediente che non si può comprare, ma che rende speciale ogni piccola cosa. “Nel gioco, nello scherzo, nell’alternarsi tra discorsi più seri e quelli più stupidi. Sogno questo: una felicità fortissima e fortissimamente sinfonica di tutti e tra tutti”.

Il pensiero di Andrea si rivolge poi a Pasquetta che, per quasi tutta l’Italia, significa grigliata con gli amici. “Se la grigliata fosse a Pasquetta sarebbe perfetto. L’atmosfera di quel giorno è sempre unica”. Pensare che quest’anno non sarà possibile organizzarla fa male, ma non bisogna abbandonarsi allo sconforto. “So che per ora è chiedere troppo. So bene anche io che, anche nel sognare, bisogna essere un po’ parsimoniosi”.

Alla fine del suo racconto, Andrea ci tiene a sottolineare un’altro aspetto molto importante. “Se ve lo steste chiedendo: sì, di solito sono proprio io che organizzavo le grigliate”.

Da ormai un anno sognare sembra un privilegio del passato. La pandemia ci ha confinato all’interno delle nostre case e ha limitato il pensiero del futuro. In momenti così, aggrapparci alla speranza può essere la miglior medicina. Condividere i propri sogni non solo aiuta noi stessi, ma dà speranza anche al prossimo.