La testata del Master in Giornalismo “Giorgio Bocca” di Torino

I luoghi del Risorgimento di Torino per il 160° anniversario dell’Unità d’Italia

condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Dopo centosessanta anni, i luoghi del Risorgimento scorrono ancora con forza nelle vene di Torino.

In occasione dell’anniversario del 17 marzo, non è necessario ricorrere ai problemi della contemporaneità per posare lo sguardo sul passato, come descritto lunedì 15 marzo al Museo del Risorgimento. Solidarietà, spirito d’appartenenza e unità. Valori che, il 17 marzo 1861 a Palazzo Carignano, nella sede del parlamento subalpino, hanno tinto di verde speranza, bianco candore e rosso garibaldino l’anima del nuovo regno. 

Virtù che, attraverso la seguente mappa, si possono ancora osservare nei luoghi di tutti i giorni. Nascosti dalla quotidianità, bene in vista per i più curiosi e interessati.

Celebrazioni dell’Unità d’Italia che la città di Torino avrà modo di approfondire. Per l’anniversario, è prevista una conferenza online sulla pagina Facebook del Museo del Risorgimento. Presenti per le istituzioni, oltre al presidente della regione Alberto Cirio e la sindaca Chiara Appendino, anche il ministro Dario Franceschini.

Saranno presenti all’evento anche quattro protagonisti del volontariato torinese: Ernesto Olivero, fondatore del Sermig, Suor Giuliana Galli, presidente della Fondazione Mamre, Barbara Spezini, direttrice dell’Associazione Articolo 10 e infine Maria Chiara Guerra, responsabile del progetto Atelier Héritage.