Palle di fuoco e bus sventrati: Fast and Furious è a Torino

condividi

Dopo i problemi tecnici di due giorni fa sono iniziate le riprese di “Fast X”, il decimo e ultimo capitolo della saga cult degli action movie americani “Fast and Furious”. Nei giorni scorsi a troupe del regista francese Leterrier aveva effettuato i test degli effetti speciali che verranno utilizzati durante gli inseguimenti che verranno girati in città. Ieri è stato uno dei giorni più attesi dai curiosi, con l’entrata in scena della gigantesca sfera in corso Fiume, di cui si parla da giorni. La palla, che è stata fatta rotolare sotto controllo, ha sventrato un bus pensato per i film d’azione, in grado di aprirsi e rimettersi insieme dopo ogni ripresa grazie ad apposite cerniere.

Il momento dell’impatto è stato decisamente impressionante, come risulta dalle tante riprese effettuate dai residenti della zona che ritraggono lo schianto da varie angolazioni. La giornata di ieri è stat dedicata internamente ai crash test sulle vetture, davanti agli sguardi incuriositi dei clienti seduti ai tavolini del Bar Crimea.

La scena della palla, che nella resa finale del film risulterà infuocata, sarà uno dei momenti sensazionali del film, oltre a rappresentare un movimento particolarmente delicato per la troupe. La sua discesa è stata controllata da un cavo ignifugo sorretto da due gru, una montata nella zona precollinare e l’altra a valle. Un’altra scena che ha attirato l’attenzione ieri è stato l’inseguimento tra una decina di gazzelle dei Carabinieri e la Dodge di Dominic “Dom” Toretto, storico protagonista della saga.

Ma inseguimenti adrenalinici e schianti sono solo all’inizio. Da domenica a lunedì le riprese si sposteranno da viale Fiume ai Murazzi, con la chiusura delle strade attigue a piazza Gran Madre, corso San Maurizio, corso Regina e piazza Vittorio. Dal 31 al 3 giugno, la troupe sarà su via Roma piazza CIn e piazza San Carlo. La parte finale delle riprese si svolgerà tra Largo IV marzo e Palazzo Civico. Fast and Furious blinda dunque la città, che a film ultimato non apparirà come Torino, bensì Roma. Durante le riprese, queste zone saranno inaccessibili anche a pedoni e biciclette. Il grande impatto sulla circolazione ha suscitato già molte polemiche. Secondo quanto riportato dalla Film Commission Torino Piemonte Fast X produrrà un impatto pari a circa 3.8 milioni di euro, derivato principalmente da costi per l’affitto delle location e dalle spese per il personale tecnico e alle maestranze locali impiegate sul set.