La testata del Master in Giornalismo “Giorgio Bocca” di Torino

Non si ferma la protesta dei lavoratori dell’ex Embraco

condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Il 25 aprile non sarà un giorno di festa per i 406 lavoratori dell’ex Embraco di Riva di Chieri. A tre anni dalla chiusura dello stabilimento, a giugno scadrà la cassa integrazione e tra dieci giorni per tutti loro arriverà la lettera di licenziamento. L’ultima speranza si chiamava Italcomp, un polo nazionale per la produzione di compressori per frigoriferi che avrebbe dovuto riassorbire i lavoratori dell’Embraco e quelli dell’Acc di Belluno. Il progetto non è mai decollato, ma loro non si arrendono e a partire dalle 11 di oggi 15 aprile hanno organizzato un sit-in in Piazza Castello, davanti al palazzo della Prefettura. Nelle stesse ore si è svolto il tavolo istituzionale organizzato dal Mise che vede coinvolti il ministro Giancarlo Giorgetti, il presidente della regione Piemonte Alberto Cirio e il presidente della regione Veneto Luca Zaia. La speranza di un salvataggio in extremis dello stabilimento è ancora viva.

Al presidio hanno partecipato le principali sigle sindacali, Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm e Uglm, tutte unite da una sola richiesta: poter continuare a lavorare. “Ci aspettiamo che lo stato si prenda degli impegni e torni a fare politica industriale – ci dice uno di loro – dopo tre anni di promesse non mantenute. L’Italia deve tornare a produrre elettrodomestici e compenenti per elettrodomestici. Ci aspettiamo che da questo incontro si passi finalmente alla fase operativa”.

Calenda, Di Maio, Patuanelli e ora Giorgetti: in poco più di tre anni si sono susseguiti quattro ministri dello sviluppo economico e tutti hanno promesso di risolvere la crisi in tempi brevi, ma i proclami sono rimasti tali. “Ogni governo ha fatto la sua parte, nel senso che nessuno ha fatto nulla se non raccontare chiacchiere, e dopo più di tre anni siamo ancora qua”. Sperano almeno in una proroga della cassa integrazione in scadenza a giugno, ma il desiderio di tutti è tornare in fabbrica: “Vogliamo tutti lavorare, e se le istituzioni non vogliono perdere la loro credibilità ci devono dare una mano”.

Tuttavia l’incontro tra Giorgetti, Cirio e Zaia si conclude con un nulla di fatto, e il presidente Cirio non incontra nemmeno i manifestanti: deve andare a Novara, dove ha appuntamento con il generale Figliuolo. I sindacati ringraziano per la solidarietà ricevuta in questi anni, in particolare da parte dell’Arcidiocesi di Torino, con il Vescovo Nosiglia che oggi ha distribuito i pacchi alimentari della Caritas alle famiglie dei lavoratori. Che promettono ancora battaglia: “Il 20 saremo a Roma, davanti al Ministero dello Sviluppo Economico. Devono darci una risposta definitiva, se non risolvono la vertenza mandano alla fame 406 famiglie: in periodo di pandemia un altro lavoro non si trova”.