La testata del Master in Giornalismo “Giorgio Bocca” di Torino

La politica non si fa solo sui social: parola degli Hipster Democratici

condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Ci vuole tanta ironia per essere di sinistra. In un’arena politica sempre più social, il dibattito si fa a suon di meme. Spiritosi e a volte irriverenti, ma sempre sul pezzo: maestri assoluti nell’arte della satira ai tempi di Instagram, gli Hipster Democratici si chiamano Andrea Masino e Alessandro Ruggiero. Classe 1992, torinese il primo e rivolese il secondo, sono amici dal primo anno di Giurisprudenza e di politica ne sanno qualcosa per davvero. Abbiamo raccolto le loro risposte a #libertàepartecipazione, la call to action di Futura, in un’intervista a metà tra il serio e il meno serio.

“Fare politica oggi per chi è giovane non è facilissimo. L’offerta è abbastanza deludente, per lo meno a sinistra”, dice Alessandro. “Mancano strutture di partito che siano luoghi di aggregazione fisici”, aggiunge Andrea. “La politica si fa nelle strade, nei mercati, nelle piazze, nei circoli: bisogna entrare nella vita reale delle persone, più che in quella virtuale”. Sembra un paradosso, detto da chi gestisce una pagina Instagram da 116mila followers, ma è così: “Sicuramente smuovere il pubblico social può aiutare a generare dibattiti, a suscitare interesse e a spingere i ragazzi verso scelte partecipative che vadano oltre le polemiche da tastiera”. Se Alessandro fosse uno zoomer, confida, più che sui partiti punterebbe su movimenti come i Fridays for Future o Extinction Rebellion. “Lì qualcosa si agita”, precisa Andrea: “Da loro arrivano messaggi chiari che aggregano le persone e che le forze politiche potrebbero fare propri. In Germania i Verdi si sono affermati così, mi auguro possa accadere anche da noi”. 

Tra isolamento e partecipazione gli Hipster Democratici optano un po’ di più per la seconda e la community che hanno messo in piedi lo dimostra. “Abbiamo creato la pagina Facebook per gioco, in un pomeriggio dell’agosto 2012, raccontano, con l’obiettivo di canzonare la nascente moda hipster attraverso i meme. Il 90% erano dedicati alla musica indie, che all’epoca era un fatto di nicchia”. Un gruppo di amici che andava ai concerti all’Hiroshima con le Clark’s ai piedi. “Poi Calcutta ha iniziato a passare in radio e l’indie è diventato pop. Da quel momento la pagina è schizzata in alto. Da inizio 2016 le abbiamo affiancato un gruppo Facebook che oggi conta 35mila iscritti”. Otto tra moderatrici e moderatori aiutano Andrea e Alessandro a rispondere ai messaggi e ai commenti, ma anche a selezionare i meme più divertenti da condividere su Instagram: “La community è la nostra forza e siamo ben lieti di offrire una vetrina a chi ha competenze grafiche migliori delle nostre. Anche i meme, che ormai sono diventati una specie di scienza autonoma, con tanto di prestigiosi esegeti, si sono evoluti. Spaziano dalla musica alla politica alle serie tv, intercettando gli interessi di tutti”. E il gruppo aiuta a tenere il passo della moda, in quella che è a tutti gli effetti una tendenza quasi canonizzata.

Le interazioni aumentano quando la cronaca fornisce spunti succosi su cui giocare, come la crisi di Governo o le serate di Sanremo: “Cerchiamo di essere sempre ironici e leggeri, Hipster Democratici nasce come luogo virtuale di aggregazione, per sorridere insieme”. A maggior ragione durante la pandemia, quando Alessandro e Andrea si sono lanciati anche nell’esperienza del podcasting: “L’idea ci è venuta nel periodo del lockdown di marzo, quando si facevano dirette Facebook o Instagram a tutte le ore. Di nuovo, siamo partiti per scherzo, senza un microfono e pubblicando su Spreaker. Ora lavoriamo con uno studio di registrazione e siamo nel palinsesto settimanale di Border, una web-radio torinese indipendente”. Hipster Democratici Show, “il primo podcast al mondo con l’accento piemontese”, tratta i grandi temi dell’attualità con un format fisso, che alterna le voci degli autori a quelle degli ospiti: “Abbiamo intervistato Giuseppe Civati, Willie Peyote è venuto a presentare il suo libro, ma tra gli invitati ci sono stati anche dei comici, come Luca Ravenna o Michela Giraud”.