La testata del Master in Giornalismo “Giorgio Bocca” di Torino

La parabola di Pininfarina, da carrozziere a icona del design

condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Una storia lunga 91 anni, quella di Pininfarina, l’azienda conosciuta per aver firmato le carrozzerie delle autovetture più in voga del secolo: sue la Ferrari Testarossa, l’Alfa Romeo Spider, la Maserati GranTurismo.

Silvio Angori, amministratore delegato di Pininfarina, ripercorre i capitoli più importanti della storia dell’azienda. Dalla produzione iniziale dello “scheletro” e dei rivestimenti per le auto è diventata una piccola casa automobilistica, ma con la crisi del 2008 ha dovuto reinventarsi puntando tutto sul settore del design per vari prodotti: dalle auto e imbarcazioni di lusso, agli edifici, a mezzi di uso comune come bici e monopattini. Un cambio radicale che ha reso necessarie una ristrutturazione interna e, purtroppo, costi in termini di posti di lavoro: dal 2011 al 2021, l’azienda è passata da 5 mila dipendenti a 500.

Torino è e rimane centrale per Pininfarina che, pur avendo divisioni e stabilimenti sparsi nel mondo, conserva il quartier generale a Cambiano. Angori ritiene che, nonostante la crisi del settore dell’automotive, sia possibile una nuova spinta propulsiva per l’indotto torinese. Con i nuovi impegni italiani sulla decarbonizzazione, è necessario da un lato che le aziende siano predisposte al cambiamento, dall’altro che ci sia un “accompagnamento” con politiche industriali adeguate. Essenziale è poi fortificare quella rete intorno all’indotto: maggiori collegamenti con il mondo universitario e, per comunicare al meglio la trasformazione in atto, l’importanza delle relazioni con la stampa.