La testata del Master in Giornalismo “Giorgio Bocca” di Torino

Sessant’anni da Yuri Gagarin. AstroGiulia: “Come lui, sogno lo spazio”

condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

“Poyekahali” (“Si parte”). Alle 9.07 del 12 aprile del 1961 un ventisettenne Yuri Gagarin si staccava dal suolo terrestre per raggiungere una meta mai raggiunta da un uomo: lo spazio. Nonostante i mille problemi – tra rotture di trasmissioni di dati, problemi alle antenne e un razzo a dir poco obsoleto – Gagarin quel giorno diventò il primo uomo a orbitare intorno alla Terra, e a fare ritorno sano e salvo. Divenne così simbolo dell’intera Unione Sovietica, e una fonte di ispirazione per una futura generazione di astronauti. 

“Conosco lui come tutti i miti del passato. Loro hanno fatto quello che sogno di fare, per questo li ammiro tutti. Però il mio idolo è Samantha Cristoforetti” ha raccontato Giulia Bassani – in arte Astro Giulia -ingegnere aerospaziale al Politecnico di Torino. “Quando al liceo ho cominciato a innamorarmi dello spazio, lei è la prima che ho conosciuto e la sua storia mi ha ispirata prima di quelle di tutti gli altri” ha confessato. “Se devo pensare a un astronauta del passato però dico Maurizio Cheli. È un mito”. 

Giulia Bassani, @astro_giulia su Instagram

Ora lo spazio non è più solo una corsa a due tra Unione Sovietica e Stati Uniti.

“Gli Stati Uniti sono comunque sempre in pole position. Al loro interno sono nate società private come Space X, Blue Origin e Virgin Galactic, che si contendono i bandi Nasa per le missioni. A livello internazionale la Cina è l’altro contendente. Chissà che non ci stupiscano tutti e siano loro i primi ad arrivare su Marte” ha affermato Giulia. 

Lo spazio non è poi un posto per soli uomini. “Pian piano le donne si stanno prendendo il loro spazio, in tutti i sensi. L’Agenzia Spaziale Europea punta molto sulle donne e nelle missioni ormai abbiamo raggiunto un buon equilibrio con gli uomini. L’esplorazione spaziale porta sempre benefici sulla Terra, anche a livello sociale. Spero che anche per la questione femminile questo possa accadere”.