Ridere della normalità: il libro di Luciana Littizzetto spiegato da Maria de Filippi

condividi

“A volte rido da sola mentre scrivo”. La presentazione migliore de “La bella addormentata in quel posto”, l’ultimo libro di Luciana Littizzetto, la fa la sua autrice. Accanto a lei sul palco della Sala Gialla del Salone del Libro, Maria de Filippi. “Sembri la Gelmini figa” la accoglie così la Littizzetto “e metti il cartello col tuo nome davanti a te altrimenti non ti riconoscono”. Risate tra il pubblico e qualche “oddio mi sento a Uomini e Donne” ogni volta che Maria de Filippi prende la parola.

Serie tv, call center, uomini e bagni pubblici tecnologici. Il segreto del successo dei libri della Littizzetto sta nei temi comuni, nel raccontare situazioni che tutti viviamo o conosciamo perché, dice lei, “per far ridere devi essere sincera, reale”.  E con la de Filippi funziona: “quando leggo mi scopro meno scema di quanto pensassi perché capisco di non essere l’unica idiota”. A giudicare dagli applausi, il pubblico concorda. “È la condivisione della demenza” sentenzia Luciana Littizzetto.

Tra i passaggi letti dall’autrice anche quello, serio, sul terremoto nel Centro Italia. Poi solo risate, tra frecciatine a Barbara D’Urso (“non ci ha invitate al suo compleanno”), prese in giro a Maurizio Costanzo e l’ironia sulla pubblicità, uno dei bersagli preferiti anche a “Che tempo che fa”: “quando i nostri uomini pensano a una maiala mica si immaginano Peppa Pig. E allora perché nelle pubblicità le donne vanno a letto coi koala” si chiede Luciana Littizzetto.

De Filippi e Littizzetto, Mediaset e Rai, Milano e Torino. “Hanno la stessa età e sono amiche”, le presenta così il direttore del Salone, Nicola Lagioia. Tanto che ad un certo punto Maria si alza per andare abbracciare la mamma di Luciana, seduta in prima fila. “Di solito i comici non mi divertono” ha raccontato la presentatrice di Canale 5 “prima di invitarne uno nei programmi che conduco, gli autori mi chiedono se mi faccia ridere. Rischio sempre di rimanere impassibile alle battute”. Ma la Littizzetto è un’eccezione: “con i suoi toni, i suoi modi, la sua postura… Luciana è unica ed è molto raro trovare una persona come lei”. “Vallo a dire a mio figlio” è la risposta che ottiene.

 

GIORGIA GARIBOLDI