La testata del Master in Giornalismo “Giorgio Bocca” di Torino

Palazzo Arsenale, la nuova casa del Regio Opera Festival

condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Una stagione di quattro mesi a difesa della cultura. O l’inizio di una cultura della difesa, come la definisce Sebastian Schwarz, Direttore artistico del Teatro Regio. Così è stata inaugurata la programmazione della nuova edizione del Regio Opera Festival

Una stagione estiva dall’intesa programmazione artistica. Opere, concerti e appuntamenti per bambini e famiglie che scandiranno i prossimi mesi a Torino. 

Un programma selezionato appositamente per regalare alla città un’occasione per ripartire, come descrive Rosanna Purchia, Commissario Straordinario del Teatro Regio. “Per rappresentare il Festival abbiamo scelto un’immagine di rinascita e libertà, e mai come oggi mi sento fiera di presentare il frutto del nostro lavoro ricco, di proposte e destinato a un pubblico variegato, reso possibile grazie alla sinergia tra i soggetti coinvolti, che ringrazio per la dedizione e la tenacia che hanno dimostrato”.

La cornice del Cortile di Palazzo Arsenale, edificio settecentesco nel cuore della città e inaugurato nei giorni scorsi dopo un accurato restyling, accoglierà un palco di 500 metri quadri e una platea per mille spettatori.

Location che ospiterà il programma messo a punto da Schwarz, Direttore artistico del Teatro Regio. Un edizione piacevole e popolare capace di mettere in risalto le qualità delle compagini artistiche del Regio, cui si affiancano interpreti giovani e di talento che riusciranno ad aggiungere freschezza e brio a opere immortali. Un cartellone pensato per la gioia di stare all’aperto e ascoltare grande musica dal vivo”.