La testata del Master in Giornalismo “Giorgio Bocca” di Torino

La Gdf sequestra 500mila parti di ricambio per auto

condividi

La Guardia di finanza di Torino ha sequestrato circa 500mila parti di ricambio per auto, marcate delle più note case automobilistiche nazionali e internazionali, oltre a numerosi macchinari e stampi utilizzati per la produzione. Sono 20 le persone indagate in concorso per ricettazione e fabbricazione e per commercio di prodotti contraffatti, con l’aggravante della sistematicità dell’attività e dell’allestimento di mezzi e attività organizzate. Sono stati sequestrati 28 macchinari industriali e 449 stampi utilizzati per riprodurre i marchi e il controvalore commerciale stimabile di pezzi di ricambio per auto e linee di produzione ammonta a oltre otto milioni di euro. All’interno della filiera produttiva, oltre alle aziende produttrici dei pezzi di ricambio, si trovavano numerose imprese per la distribuzione, anche per quanto riguarda l’e-commerce: le perquisizioni sono state effettuate, oltre che in Piemonte, in Campania, Calabria, Puglia, Basilicata, Lombardia e Toscana.

I falsi venivano prodotti in capannoni industriali nel Torinese, grazie a 13 linee di produzione operative e professionali. Una di queste imprese utilizzava un’area di stoccaggio che è stata scoperta nei magazzini di una società di logistica estranea ai fatti: qui erano stati affittati spazi per oltre 700 metri quadrati e serviva da deposito per i ricambi contraffatti realizzati e per i copricerchi che erano destinati alla marchiatura illecita. Sono diversi poi i macchinari utilizzati per lo stampaggio, la pressatura, la verniciatura, la serigrafia e la tampografia dei prodotti realizzati.

Le indagini sono state portate avanti dal Nucleo di polizia economico-finanziaria di Torino, coordinato dalla procura del capoluogo piemontese. Tra i ricambi sequestrati troviamo copricerchi, coprimozzo, stemmi, elementi ornamentali e tuning per carrozzeria.