La testata del Master in Giornalismo “Giorgio Bocca” di Torino

I Viaggi di Futura: L’onda lunga dell’amianto

condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

La legge 257 del 1992 mette al bando l’utilizzo dell’eternit, ma le persone continuano ad ammalarsi e a morire di mesotelioma, il tumore causato da un accumulo di fibre di amianto nel corpo. Di solito colpisce la pleura, la membrana che riveste i polmoni. Ma come si vive e convive con gli effetti a lungo termine di questa sostanza? Come è stata arginata l’onda lunga dell’amianto?

Nella nuova puntata de “I viaggi di Futura”, siamo andati a Casale Monferrato, dove fino al 1986 era operativa la fabbrica Eternit e dove, ancora oggi, vengono diagnosticati 50 casi all’anno: uno ogni settimana.

Il racconto di Daniela Zanier, che ha scoperto di avere un mesotelioma, si alterna a quelli di Bruno Pesce e Daniela Degiovanni, testimoni diretti della ferita causata dall’industrializzazione senza regole che ha colpito il paese dell’alessandrino.

Il punto, poi, sui processi all’ultimo amministratore delegato di Eternit, Stephan Schmidheiney, dai quali i casalesi attendono ancora giustizia.

Infine, il parere dell’epidemiologa Enrica Migliore, coordinatrice del registro regionale mesoteliomi, sulle peculiarità del legame tra questa sostanza tossica e la storia del Piemonte.

La fotografia della situazione attuale e le ricette possibili fanno apparire Casale non solo una comunità ferita, ma anche un esempio virtuoso – e replicabile – di lotta a questo tipo di tumore.