La testata del Master in Giornalismo “Giorgio Bocca” di Torino

Torino torna a parlare di femminismo intersezionale con Mind the Gap – Storie Sovrapposte

condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

La libertà parte da un salone di parrucchieria, scelto per presentare la seconda edizione del festival del femminismo intersezionale di Torino. Liberarsi da un sistema opprimente di aspettative sociali e combattere la polarizzazione è un percorso lungo e collettivo, così Mind the Gap – Storie Sovrapposte torna in città dal 6 all’8 maggio con una serie di incontri volti a decostruire stereotipi di genere e analizzare le discriminazioni in ambito politico, sociale, istituzionale, economico, linguistico. Ridotta in frammenti dallo sguardo altrui, la Venere di Milo diventa simbolo del festival, fiera nella sua totale bellezza e in grado di svincolarsi dai dettami della società.

Conferenza stampa del festival

Sessualità, corpi non conformi, medicina di genere e diritti civili sono alcuni dei temi che riempiranno gli spazi di Off Topico, Il Circolo dei Lettori e il Campus Luigi Einaudi, per valorizzare la complessità all’insegna di un festival diffuso e condiviso. Da Levante alla sociolinguista Vera Gheno, decine gli artisti ed esperti che prenderanno parte al programma con interventi e dibattiti su femminismo anticapitalista, antispecista, decoloniale ed ecofemminismo. E poi anche tanta musica, con concerti e dj set, laboratori per bambini, un angolo letture e persino uno spazio libero per l’oratoria.

Per l’intera durata del festival sarà poi attivo uno sportello antiviolenza situato presso l’Off Topic e curato dal Centro Clinico Psicologia Torino (CCPT), che, tramite prenotazione, permette di ricevere un consulto gratuito da una professionista. Presente per i tre giorni anche un banchetto per la raccolta firme di Torino Città Per Le Donne, una proposta di legge elettorale che promuove l’equilibrio della rappresentanza e condizioni di parità nell’accesso alle cariche elettive delle regione. 

Ideato e prodotto da The Goodness Factory, il festival è realizzato in collaborazione con la Fondazione Circolo dei Lettori, CIRSDe Unito (Centro Interdisciplinare di Ricerche e Studi delle Donne e di Genere), Fronte del Borgo della Scuola Holden, con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in collaborazione con Regione Piemonte e Cubo Teatro nell’ambito del progetto PLAY OFF.