Femminicidio a Torino, guardia giurata spara 8 colpi alla moglie

condividi

Un uomo ha ucciso la moglie nel primo pomeriggio di oggi, 7 maggio, in un condominio di corso Novara 87, nella periferia nord-ovest di Torino.

Stando alle prime ricostruzioni Massimo Bianco, guardia giurata di 50 anni, avrebbe aspettato la donna, Angela D’Argenio, sul pianerottolo del quarto piano, con la pistola di servizio. Appena aperte le porte dell’ascensore, avrebbe poi sparato otto colpi a bruciapelo, non tutti andati a segno. Trasportata in ambulanza dai soccorsi, che i vicini avevano allertato, la 48enne è deceduta prima dell’arrivo al pronto soccorso.

Il marito ha atteso nel proprio appartamento, al quinto piano, l’arrivo degli agenti di polizia che l’hanno immediatamente arrestato. La coppia era separata da dicembre. L’uomo, però, era rimasto nello stesso condominio per essere vicino ai due figli, un 16enne che viveva con la madre e una 25enne, sposata e con un figlio nato da poco, che abitava nel palazzo.