La testata del Master in Giornalismo “Giorgio Bocca” di Torino

Ex Westinghouse, per dire no al supermercato una manifestazione e scontri con la polizia

condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Pomeriggio di scontri nel quartiere San Paolo a Torino. La passeggiata per le strade della zona tra corso Ferrucci e via Di Nanni è stato scenario di tensioni tra le forze dell’ordine e il comitato Esse Non che protestano contro la costruzione di un nuovo centro commerciale in area ex Westinghouse.

Un progetto che da mesi sta mobilitando la zona e l’associazione Comala di corso Ferrucci dove ogni giorno ragazze e ragazzi promuovono attività e frequentano le aule studio. Proprio al posto di Comala dovrà nascere la nuova piastra commerciale.

I manifestanti affermano di aver comunicato lo svolgimento di una passeggiata nel quartiere, ma al momento della partenza, le forze dell’ordine hanno bloccato il corteo all’altezza della sede di Comala. Dopo i primi scontri i manifestanti sono riusciti a proseguire lungo corso Ferrucci per poi deviare in via Moretta. All’angolo con via Dante di Nanni la polizia in assetto antisommossa ha creato un nuovo sbarramento. Nel tentativo di proseguire, alcuni manifestanti sono stati respinti.

La polizia è intervenuta in quattro momenti diversi, alcuni ragazzi hanno riportato lesioni, come confermano alcuni organizzatori.

Da via Di Nanni il corteo ha fatto dietrofront ed è tornato alla sede di Comala, per poi sciogliersi alle 17.30.
“Una reazione esagerata. Noi ci siamo molto preoccupati e abbiamo rischiato di rimanere bloccati nella nostra sede”, ha affermato Andrea Pino di Comala.

I rappresentanti di associazione e comitato hanno già programmato le prossime attività, convocando una nuova assemblea per giovedì 20 alle 18.