La testata del Master in Giornalismo “Giorgio Bocca” di Torino

Nell’anno del grande sport, Cus Torino guarda al 2025

condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Il Cus Torino celebra il suo 75° anniversario, ma invece del passato glorioso e del presente pieno di successi, guarda al futuro carico di promesse. Questa mattina alla Cavallerizza Reale è stato inaugurato il nuovo anno per il Centro Universitario Sportivo. L’occasione ha visto protagonisti il rettore dell’Università Stefano Geuna, gli assessori Fabrizio Ricca e Domenico Carretta e il presidente del Cus Riccardo D’Elicio.

L’incontro ha mostrato l’orgoglio di una eccellenza italiana nella scoperta e nella valorizzazione dei giovani sportivi. È stato riqualificato il progetto Agon, offrendo risorse a 14 studenti meritevoli, cui se ne aggiungono 7 per UniTo e 3 per per il Politecnico. “Il punto di riferimento per il nostro lavoro sono le universiadi del 2025 che si svolgeranno qui a Torino“, come dichiarato dal presidente D’Elicio.

“Lo sport è una parte fondamentale dei nostri giovani e dei cittadini di domani – ha affermato Laura Montanaro, prorettrice del Politecnico -. Veniamo da un momento difficile. Credo che lo sport ci abbia accompagnato nel percorso di riscoperta della nostra vita durante il 2021. I nostri atleti e atlete ci hanno donato grandi soddisfazioni e ci hanno mostrato la loro passione. Mi hanno colpito due momenti: la vittoria di Sonny Colbrelli alla Parigi-Roubaix, che ha vinto coperto da una maschera di fango e dopo si è sciolto in un pianto liberatorio. Poi ci sono tre atlete che hanno dato un messaggio educativo: Ambra Sabatini, Martina Caironi e Monica Contraffatto. Un di loro ha dichiarato: ‘Vincere è bello, ma è meglio essere tutte e tre sul podio'”.

Tra le novità di oggi, la Torino universitaria mette al servizio degli studenti degli Atenei torinesi, in possesso di CUS Card, il Free Sport, il quale offre due servizi completamente gratuiti: il Free Fitness (due ingressi a settimana gratuiti presso la sala pesi di via Braccini ed una prenotazione per le attività musicali) e l’Affitto Campi Gratuito (un’ora di affitto campi gratuita a settimana a scelta tra beach volley, calcio a 5, calcio a 7, tennis, golf e basket). Il piano attività 2021/2022 è consultabile su www.custorino.it/universitari.

Dopo il saluto di Leon Eder, presidente della Fisu, è intervenuto anche Leo Ferriani del Cio: “Continuo a dire che sono uno di noi. Voglio essere un modello per dire che si può iniziare da qui per poi andare olimpiadi. Parliamo di atleti, ma non solo di quelli che vincono. È importante creare la condizione per cui tutti gli atleti contano. Quando uno fa sport impara ad essere misurato. Lo sport ha una fine, ma noi dobbiamo aiutare gli atleti a preparare il proprio futuro. Questo progetto Agon, fa da contraltare al Cio. I nostri atleti dovranno essere pronti ad affrontare la vita dopo la carriera per evitare gravi disagi sociali come laa depressione o peggio. Ho avuto dei ragazzi che non sono riusciti ad andare avanti dopo lo sport e si sono tolti la vita. La forma culturale che dobbiamo instillare è che lo sport è un momento della nostra esistenza”.

Agon è un programma di borse di studio nato con l’obiettivo di garantire a giovani atleti e atlete meritevoli, provenienti da tutta Italia e dall’estero, l’accesso ai livelli più alti dell’istruzione accademica praticando sport in una realtà di eccellenza. Oggi, grazie al programma, gli atleti sono prima di tutto studenti universitari d’eccellenza, e questo aiuta i ragazzi ad eccellere nella disciplina che praticano ma anche a garantire loro una formazione e un futuro al di là di essa. Il fine è arrivare al termine della carriera sportiva pronti ad entrare nel mondo del lavoro.
Sono state attribuite 14 borse complete (tasse universitarie, vitto e alloggio) e 10 borse che coprono le tasse universitarie.

Fabrizio Ricca, assessore regionale allo sport è intervenuto affermando: “Iniziare nella sala in cui sono state assegnate a Torino le Universiadi è molto emozionante. Il Piemonte è la regione dello sport nel 2022. Le Atp hanno avuto un impatto fortissimo su Torino. Chissà cosa possiamo fare nel 2025 lavorando con il Cus tutti insieme. Il grande legame tra la Regione e lo sport universitario è noto. Stanno andando avanti i lavori per il prato di corso Tazzoli dedicato all’hockey”.