Comizio Forza Nuova a Torino, la Questura prende tempo. Gli autonomi: “Serve partecipazione larga”

condividi

Slitta ancora la decisione del luogo in cui il leader di Forza Nuova Roberto Fiore presenterà programma elettorale e candidati a Torino giovedì 1 marzo. La Questura di Torino si è presa ancora del tempo per la definizione dell’area dove si svolgerà il comizio di fine campagna elettorale del leader della formazione di estrema destra.

“Ci hanno ventilato alcune opzioni di piazza – afferma il segretario regionale di Forza Nuova Luigi Cortese – ma finora le abbiamo tutte declinate”. Tuttavia, il movimento di estrema destra spiega di non voler cercare un braccio di ferro su luoghi e orari della manifestazione, per far sì che il comizio si svolga in modo pacifico e non generi incidenti come quelli avvenuti la settimana scorsa. Domani, mercoledì 28 febbraio, verrà presa una decisione definitiva.

Intanto stasera 27 febbraio, i rappresentanti dei collettivi autonomi si sono trovati nell’aula 19 di Palazzo Nuovo per lanciare un appello alla mobilitazione a tutti gli  “antifascisti di Torino”. “Serve una partecipazione larga” è stata la sollecitazione dei presenti in assemblea.

EMANUELE GRANELLI