La testata del Master in Giornalismo “Giorgio Bocca” di Torino

Coltini, il giovane cuore del Consorzio Librerie Torinesi Indipendenti

condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Una bibliografia stampata su carta. C’è chi vede un foglio o ci riflette occhi brillanti, costruiti lettura dopo lettura. Si tratta dell’obiettivo prefissatosi da Coltini. Incastonare negli occhi di ogni bambino la fiamma dei libri con una bibliografia a misura di giovani. 

Un percorso destinato ad accompagnare i giovani cuori di Colti per tutta l’estate. Il Consorzio, già attivo da tempo per gli adulti, vuole ricordare con questa iniziativa la filosofia che accompagna le sedici librerie indipendenti che hanno aderito al progetto: lettori non si nasce, ma si diventa.

Proprio come un muscolo da allenare con costanza. Un traguardo possibile solo con gli esercizi giusti, secondo Sara Lanfranco della libreria Therese. “Noi pensiamo che la cosa migliore da fare per creare dei giovani lettori sia trovare le storie giuste per loro. Se uno si annoia a leggere vuol dire che c’è qualcosa che non va, e che non si è scelto il libro giusto per lui.”

Un progetto che, in controtendenza rispetto ai tempi, desidera imporsi dal vivo. Un modo per ricordare come gli schermi abbiano stufato adulti e giovani nell’ultimo anno di pandemia. Per ricordare come esista un mondo all’infuori del web.

Bibliografia composta soprattutto dai titoli più recenti, usciti negli ultimi due anni. Storie amate dai librai e suddivise in base all’età del giovane lettore, per aiutarlo a districarsi nella giungla letteraria. Foresta dove ci si orienta grazie al confronto. Ai ragazzi viene chiesto di presentarsi nelle librerie per ritirare le bibliografie.  Neanche troppo velati i motivi: parlare con il libraio dei propri gusti, stare in mezzo agli scaffali. Riappropriarsi di uno spazio e di un’esperienza andata persa negli anni. 

Una bibliografia nata per quest’estate. A cui faranno seguito ulteriori liste, come ricorda Lanfranco. “Sarebbe fantastico pensare che queste bibliografie possano diventare come un quaderno di viaggio, per permettere ai ragazzi, nel corso degli anni, di raccogliere liste diverse, come per costruire un percorso che li possa arricchire per tutta la vita”.