Australian Open, Sonego: esordio nel main draw sognando Federer

condividi

Un sogno chiamato terzo turno. Lorenzo Sonego esordirà nella notte italiana agli Australian Open di tennis contro l’olandese Robin Haase. Il torinese è nella stessa parte di tabellone del campione in carica Roger Federer: servono due vittorie per incrociare la racchetta con il campionissimo elvetico. Un percorso irto di ostacoli, ma chissà che il giovane classe ’95 non ci abbia fatto un pensierino.

Innanzitutto bisogna battere Robin Haase, numero 43 del ranking con un terzo turno a Melbourne (2011) come massimo risultato. Un match difficile, contro un giocatore esperto che sa giocare su superfici veloci come il cemento australiano. Oltretutto Sonego è reduce da tre partite nelle qualificazioni al meglio dei due set e sarà quindi meno fresco del suo avversario, che ha invece avuto accesso diretto al main draw per questioni di classifica. Però il torinese ha dimostrato di essere in forma: nei giorni scorsi ha battuto in due set il brasiliano Thiago Monteiro (7/5 6/3) e l’egiziano Safwat (6/3 7/6) e, soprattutto, ha estromesso il beniamino di casa Bernard Tomic, uno che in carriera vanta un quarto di finale a Wimbledon e a Melbourne Park ha fatto tre volte ottavi.

http://futura.news/2017/12/19/lorenzo-sonego-un-torinese-agli-australian-open/

La vittoria in tre parziali (6/1 6/7 6/4) contro l’australiano gli ha sicuramente dato slancio in vista dell’esordio di questa notte (alle tre italiane). Certo, a differenza delle qualificazioni si giocherà al meglio dei 5 set; tutto un altro sport rispetto al tennis due su tre, figuriamoci per un esordiente non abituato alle lunghe distanze. I bookmakers danno ovviamente favorito Haase (1.20 contro 4.50), ma l’entusiasmo di Sonego potrebbe fare la differenza.

Se il torinese dovesse uscire indenne dall’inferno del campo numero 22, affronterebbe al secondo turno il vincente della sfida tra il francese Richard Gasquet e lo sloveno Blaz Kavcic, numero 106 del ranking. Se il transalpino (strafavorito) non ha problemi fisici, la strada verso la Rod Laver Arena e il match dei sogni con Roger Federer si complica ulteriormente: Gasquet, numero 31 delle classifiche mondiali ed ex top ten, è un giocatore dal talento sconfinato ma piuttosto fragile dal punto di vista psicofisico. A Melbourne ha raggiunto per quattro volte gli ottavi di finale tra il 2007 e il 2013 e sulla carta potrebbe buttar fuori Sonego in un’ora e mezza di partita. Pronostico aperto se dall’altra parte della rete ci fosse invece Kavcic, tennista che agli Australian Open ha raggiunto il terzo turno nel 2013 ma che non ha mai fatto exploit nel circuito maggiore.

Per Sonego arrivare al terzo turno sarebbe come vincere il torneo dopo le fatiche nelle qualificazioni. Ad attenderlo c’è una “vacanza premio” sulla Rod Laver Arena contro il pluricampione Slam Roger Federer. Il 22enne di Torino si farebbe maltrattare volentieri dal fuoriclasse svizzero, ma per scartare il regalo la strada è ancora tutta in salita.

FEDERICO PARODI