La testata del Master in Giornalismo “Giorgio Bocca” di Torino

Argotec tra i fornitori Nasa: accordo da 6 miliardi di dollari

condividi

Argotec, azienda del settore spaziale con headquarter a Torino e sede operativa in Maryland, è stata selezionata dalla Nasa come una delle quattro aziende per fornire satelliti e servizi spaziali correlati nell’ambito del programma Rapid Spacecraft Acquisition Services. L’accordo, del valore complessivo di 6 miliardi di dollari, ha una durata iniziale fino ad agosto 2025, con possibilità di estensione al 2030. “La selezione, svolta a livello globale, durata più di un anno – sottolinea l’azienda – rappresenta un riconoscimento significativo dell’affidabilità e dell’eccellenza tecnologica delle piattaforme satellitari di Argotec, già dimostrata in precedenti missioni con la Nasa”.

L’accordo vedrà Argotec Us collaborare strettamente con il Nasa Goddard Space Flight Center di Greenbelt, Maryland. L’attività mira a supportare le missioni di esplorazione spaziale della Nasa, consolidando la posizione di Argotec come leader nell’industria spaziale. “Siamo estremamente orgogliosi di essere stati selezionati dalla Nasa per contribuire ai loro obiettivi strategici” spiega David Avino, ceo di Argotec. “Essere una delle quattro aziende al mondo testimonia la nostra capacità di innovazione, l’eccellenza dei prodotti sviluppati e la qualità della nostra attività ingegneristica. Questa collaborazione evidenzia l’affidabilità delle nostre soluzioni spaziali e rafforza i piani di espansione di Argotec Us verso il raggiungimento degli obiettivi strategici di Gruppo. Questo è reso possibile grazie ai continui investimenti in ricerca e innovazione e alla crescita e alla stabilità finanziaria di Argotec”.

A oggi la controllata statunitense può contare su due facilities negli Stati Uniti, in Maryland e Florida, con un management americano e investimenti per 25 milioni di dollari. Stesso investimento è stato destinato all’headquarter italiano che ha sede nello SpacePark di San Mauro Torinese, annunciato nel luglio 2023 e che sta già avviando in questi giorni le sue prime attività produttive, con l’ambizione di affermarsi tra le più innovative Space Factory in Europa.